ALMANACH 2019


Il 7 marzo è stato dato alle stampe l'ottavo numero dell'ALMANACH, la rivista annuale edita dall'Union di Ladins de Fascia che raccoglie gli avvenimenti più importanti accaduti nel 2019 in Val di Fassa.

TITOLO: Almanach 2019
DISEGNI: Manuel Riz
TESTI: Lucia Gross, Monica Cigolla, Cristina Marchetti

PROGETTO "La sieves"
Liceo artistico Sèn Jan sez. Design

MODELLI PROGETTO "La sieves"
Studenti III liceo con i Prof. Fiorella Brunel, Max Chiocchetti, Franco Ghetta

EDITORE: Union di Ladins de Fascia
GRAFICA: Stephanie Ghetta
LINGUA: Ladino
FORMATO: 33,5 x 24 cm
PAGINE: 52
ANNO: 2020
INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545


Per ogni mese ho realizzato una storia a fumetti autoconclusiva su un argomento scelto in collaborazione con le redattrici: Lucia Gross, Cristina Marchetti, Monica Cigolla e Fernando Brunel.






PEDIES 14.3.2020

https://it-it.facebook.com/TelevijionLadina/videos/615070389335890/UzpfSTE5NDIwNTU5NzQzMDk4NToxMjkzNzQ4NzQwODA5OTkz/?redirect=false
All'interno del programma Pedies è andato in onda un servizio televisivo dedicato all'uscita dell'ottavo numero dell' Almanach 2020.
Il tutto è stato trasmesso sull'emittente TML di Trento il 14 marzo 2020, a cura di Stefania Povolo,  Luca Rubbo e Giacomo Gabrielli della Filmart Studios.

LA USC DI LADINS 28.2.2020

L'articolo a cura di Monica Cigolla della Usc di Ladins, parla dell'ottavo numero dell'Almanach uscito il 7 marzo 2020.

ALMANACCO Mataran


A dicembre 2019 è arrivato l'ALMANACCO MATARAN, un progetto editoriale al quale ho preso parte, in collaborazione con gli autori della nota rivista satirica friulana.
Oltre 150 pagine di umorismo e satira con l'esclusiva partecipazione di grandi disegnatori di tutta Italia, ospiti internazionali, fumettisti, storici, scrittori, stand-up comedian e molto altro, tutto inedito al 100%!
Per averne una copia scrivete a redazionemataran@gmail.com

UNTERL@NDIA

26 ottobre - 9 novembre 2019
Neumarkt / Egna (Bz)

Il progetto Unterl@ndia ha l'obiettivo di far riflettere il visitatore, rendendolo a sua volta partecipe all'interno di un percoso espositivo diviso in tre sezioni (Weinstrasse, Gasthof, Familie Pixel), su come gli effetti del turismo, dell'immigrazione e della globalizzazione, condizionano sempre più le società periferiche, mettendo talvolta in discussione le certezze e gli equilibri della popolazione autoctona creatisi nei secoli precedenti.


WEINSTRASSE - La produzione enogastronomica locale, uno dei richiami turistico-culturali fra i più rinomati del territorio, va a fronteggiarsi con la realtà quotidiana dove, il concetto di vino + strada, contrasta con le norme di legge che sanzionano la guida in stato di ebbrezza.


GASTHOF - Il flusso migratorio ha portato nuova forza lavoro anche nelle aree suburbane dove, le mansioni che la popolazione locale rinuncia ormai a svolgere, vengono occupate da lavoratori extracomunitari che, familiarizzando con il nuovo ambiente, si inseriscono gradualmente nella società.


FAMILIE PIXEL - Nella società contemporanea i rapporti interpersonali sono spesso filtrati dalla presenza dei mezzi di comunicazione digitale, con la conseguenza che il confronto orale fra persone fisiche, spesso lascia il posto ad un freddo schermo pixelato.

UNTERL@NDIA Suppenparty

https://youtu.be/g_3Mv-1lXlQ
Unterl@ndia Vernissage e Suppenparty
26 ottobre 2019
Kunstforum Unterland - Egna/Neumarkt (Bz)
Video Ismo_Sora

Radio RAI Ladinia

https://youtu.be/NKJD8BqH-os

Intervista radiofonica a cura di Anna Mazzel sul progetto Unterl@ndia, andata in onda il 5 novembre 2019 all'interno del programma Ladinia live - Radio RAI Ladinia di Bolzano.

POLTRONE Unterl@ndia


Annuncio apparso sul quotidiano Alto Adige pochi giorni prima della chiusura della mostra.

Al termine della mostra Unterl@ndia, in corso di svolgimento alla Galleria della Comunità comprensoriale Oltradige-Bassa Atesina, ad Egna, saranno regalate le due poltrone, il divano ed il tavolino. Chi è interessato si può mettere in contatto con la curatrice Brigitte Matthias.

FIEMME E FASSA magazine

All'interno della rivista Fiemme e Fassa Magazine (inverno 2019/20), è presente un articolo che descrive il progetto espositivo Unterl@ndia tenutosi presso il Kunstforum Unterland a Neumarkt/Egna nell'autunno scorso.


DOLOMITEN 9.11.2019


L'articolo a cura di Eva Maria Gratl del Dolomiten, parla del progetto espositivo Unterl@ndia presso il Kunstforum Unterland a Neumarkt/Egna (Bz).

Satirische Schärfe in "Unterl@ndia"
Neumarkt. Ironisch, sarkastisch den finger in Gegebenheiten legen, aufrütteln, "Wunder" aufzeigen. Manuel Riz, Künstler aus dem Fassatal Wählt passend zu seinen künstlerischen Interventionen in der Galerie unterland den Titel "Unterl@ndia".
Dort gibt es nun ein fiktives Wirtshaus: alles in holz, wie wir es lieben, eine Gasthaussituation mit bösen Fratzen an den Wänden. Wie gehabt, landauf un landab: mit abgesägten Baumstämmen, auch die von vielen gelobten Architekten scheinen sie zu lieben, auf denen man sich niederlassen kann.
Doch Manuel Riz ist kein Romantiker: im Gegenteil, er ist bekannt wegen seiner Karikaturen in der "Usc di Ladins", mit ihnen - so liest man - "erreicht er Kultstatus". Weinstrasse, Famile Pixel, Gasthof heissen die drei Aspekte, mit welchen er die Galerie beispielt und gleichzeitig auch uns, die Besucher, zu Teilnehmern macht.
Diese, also wir, scheinen von dem auf dem Plakat lachenden Bacchus, ausgelacht zu werden, er stimmt uns ein, was angesagt ist: Humor kann auch helfen, das alles zu ertragen. Lachen und Weinen sind in der Karikatur Freunde. Auch bei diesem Künstler, der bereits zahlreiche Austellungen bestritten hat und genau auf gesellschaftliche Phänomene blickt. Die "Familie Pixel" spricht heute nicht mehr während des gemeinsamen Essens. Immer und überall übernimmt W-LAN unsere Kommunikation. Auch Josef und Maria scrollen auf ihrem Handy. Die Engel tun es kund: es gibt WI-FI. Dass er ein ausgezeichneter Karikaturist ist, sehen wir an den Tiroler Adlern, verfremdet mit comics und Co.
Und auch die Weinstrasse ist dem Künstler ein Anliegen. Wein heist Alkohol, die neuesten ASTAT Statistiken sprechen Klartext. Auch Manuel Riz, der mit seinen Strassenschildern davor warnt. Immer witzig, einfallsreich, vielschichting, oft schwarz. Vielleicht hilft uns diese Ausstellung ja auch, über die Realität zu reflektieren und uns vielleicht doch über sie zu erheben.

LA USC DI LADINS 31.10.2019

L'articolo a cura di Cristina Marchetti della Usc di Ladins, parla dell'inaugurazione di Unterl@ndia presso il Kunstforum Unterland a Neumarkt/Egna (Bz).

Projet Unterl@ndia, i efec de la globalisazion
L Kunstforum Unterland da Egna ge dèsc alberch fin ai 9 de november a n percors espositif de l'artist Manuel Riz, n projet che dèsc da pissèr sui mudamenc de la sozietà contemporana

L'era n bon pecia jent a Egna en sabeda ai 26 de otober al vernissage de l'ultima fadìa artistica del cognosciù e aprijià artist da Cianacei Manuel Riz.
A la dir duta tel Kunstforum Unterland no l'é stat metù fora proprio operes de l'artist, ma te sia sales se dejouc n percors espositif spartì te trrei sezions con l'obietif de fèr pissèr l vijitator, che doventa ence el enstes protagonist, sui mudamenc socedé te noscia sozietà da la globalisazion.
A l'inaudazion tinmpruma nesciugn à podù ite te la sales, l'era dut serà con la vetes segnaletiches biences e rosses che vegn durèdes canche l'é lurieres su la strèdes. L president de la comunità comprensorièla de la Bassa Atesina Edmund Lanziner à fat i onores de cèsa e l'à palesà content per ge dèr alberch a l'artist fascian.
L Kunstforum l'é na emportanta infrastrutura che se cruzia de slarièr fora l'èrt moderna e de sostegnir l'atività culturala de gra ence al sostegn de la Casses rurales de Aldin e Salorn. La calità de la perferida l'é un di ponc de forza del spazie espositif: ogne an na comiscion cern 6 desferenc artisć da meter ite tel program de esposizions.
Manuel, con fèr ironich e gustégol, en cont de l'esposizion l'à deschiarì de aer volù fèr n projet che stae mingol dò al lech olache i l'aea envià, descheche l'aea fat acà trei egn a Ortijei, canche l'aea fat na boteiga faussa tel zenter. Dò, con n pé de forfejes desmesurèdes, l'à taà la vetes, coscì duc à podù ite te la sales.
Tel prum spazie vegn tout dant l tem de la produzion enogastronomica locala, donca la Weinstrasse, che ti egn é doventèda ence n emportant rechiam turistich. L'é boces de vin e scartabie stradèi ben segur luré fora aldò per uzèr fora la descordanza anter Wein e Strasse, l contrast anter vin e la normes che descomana de vidèr canche se à beù.
Rué te la seconda sala, chiamèda Gasthof, se se troa tedant na sort de ostarìa, con na lingia de camerieres regolé col guant a la todescia e con na facera scura sul mus. "Chiò me saea enteressant che te chisc posć mingol fora dai gregn zentres, desche da nos, de spes se à problemes col personal - l'à dit Manuel - ge vel l chiamèr da fora a fèr lurieres che la jent dal post no vel più fèr. Apontin l'é mingol l messaje de l'integrazion, l'é chesta jent con la facera da color che la tol cà l mestier, regolèda da Tirol." Enteressant l'é stat veder che la jent à interagì. Zenza problemes la se à sentà jù e l'à tacà a magnèr e beiver desche se la sie stata proprio te na ostarìa.
L'ultima pèrt l'é su la familia contemporanea, "chiò i à l'albergo diffuso - l'à deschiarì l'artist - e volee te na sala uzèr fora chesta tematica, se se vèrda ben, te chesta picola sala l'é na familia, la familia Pixel, che no la se vèrda tel mus ma la comunichea tras i fonins. La soula roba che ge enteressa l'é che sie l Wi-Fi, ence se no l'é l cescio l'é istesc. La persones vegn tramudèdes, sie mus no l'é più chel de na persona reèla ma su l'é pien de segnes e simboi che troon duc i dis sul scherm del computer. L'é na trasformazion de la persona che muda ence ti raporc, i se rejona più sorì coi mesi tecnologics che vis a vis."
A chesta vida vegn palesà l gran solentum che vif l'om aldidanché. Donca l'é desvaliva ocajions de reflescions te chest percors che segur paa la speisa jir a veder. L'é a la leta enscin ai 9 de november del 2019, avert dal mèrtesc a la sabeda da les 10 a les 12 e da les 16 a les 18.

QUI BASSA ATESINA 17.10.2019


L'articolo della rivista Qui Bassa Atesina, parla della mostra Unterl@ndia, presso il Kunstforum Unterland di Neumarkt/Egna.

Unterl@ndia con l'artista Manuel Riz
Dal 26 ottobre al 9 novembre il Kunstforum Unterland presenta una mostra dell'artista Manuel Riz. Il progetto ha l'obiettivo di far riflettere il visitatore, rendendolo a sua volta partecipe all'interno di un percorso espositivo diviso in tre sezioni (Weinstrasse, gasthof, Familie Pixel), su come gli effetti della globalizzazione ricadono e influenzano sempre più la società e le comunità periferiche, mettendo talvolta in discussione gli equilibri della popolazione autoctona, creatisi nei secoli precedenti.
Weinstrasse
Il primo spazio dell'esposizione affronta il tema della produzione enogastronomica locale, che è diventata uno dei richiami turistico-culturali fra i più rinomati del territorio della Bassa Atesina, ovvero la Weinstrasse. Attraverso la presenza di bottiglie di vino e cartelli stradali adeguatamente rielaborati, l'intenzione è quella di sollevare in maniera ironica la discordanza delle parole Wein+Strasse, laddove nella realtà quotidiana il concetto di vino/strada contrasta con le norme di legge nazionali che sanzionano la guida in stato di ebbrezza.

Gasthof
La seconda sala è dedicata al flusso migratorio di richiedenti asilo ma non solo, che è in corso nella nostra regione da alcuni anni a questa parte. In molti comuni che hanno aderito al progetto SPRAR, il problema dell'accettazione o del conflitto fra indigeni e migranti, ha dimostrato talvolta un "nervo scoperto" all'interno di una società molto spesso dedita al volontariato, ossequiosa per la radicata fede cattolica e politicamente corretta nelle apparenze, ma che si è ritrovata impreparata all'arrivo del "diverso", andando a scardinare le fragili certezze e gli equilibri di una società "sviluppata" che, fino a quel momento, si riteneva indenne dai movimenti globali di rifugiati in fuga da guerre lontane. "Gasthof" evidenzia il fatto che i flussi migratori hanno protato nuova forza lavoro anche nelle aree suburbane dove le mansioni, che la popolazione locale rinuncia ormai di svolgere, vengono occupate da lavoratori extracomunitari che familiarizzando con il nuovo ambiente, si inseriscono gradualmente nella società.

Familie Pixel
telefonini, computer e tablet filtrano sempre più i rapporti interpersonali. Anche in qualsiasi nucleo familiare la presenza di questi nuovi media sostituisce quella forma di dialogo e di oralità che si instaurava un tempo attorno ad un tavolo, disgregando sempre più il dialogo all'interno della famiglia. Di qui l'idea di riservare la terza sala della mostra al tema della famiglia contemporanea, facebdo emergere la condizione di una socialità artificiale che avviene al di fuori delle mura domenstiche, ma che in realtà esprime una condizione di estrema solitudine dell'uomo contemporaneo. 

ALTO ADIGE 8.10.2019

Articolo dell'Alto Adige, parla della mostra Unterl@ndia, presso il Kunstforum Unterland a Neumarkt/Egna.

Globalizzazione, il progetto di Riz al Comprensorio
Si chiama "Unterl@ndia" ed è il progetto firmato dal fassano Manuel Riz che ha fondamentalmente l'obiettivo di far riflettere il visitatore, rendendolo a sua volta partecipe all'interno di un percorso espositivo diviso in tre sezioni (Weinstrasse, Gasthof, Famile Pixel), su come gli effetti della globalizzaione ricadono e influenzano sempre più  la società e le comunità periferiche, mettendo talvolta in discussione le certezze e gli equilibri della popolazione autoctona, creatisi nei secoli precedenti.

La Strada del Vino.
Il primo spazio dell'esposizione affronta il tema della produzione enogastronomica locale, che negli anni è diventata uno dei richiami turistico-culturali fra i più rinomati del territorio della Bassa Atesina, ovvero la strada del Vino.
Attraverso la presenza di bottiglie di vino e cartelli stradali adeguatamente rielaborati, l'intenzione è quella di sollevare in maniera ironica la discordanza delle parole Wein + Strasse.

Migranti, ma non solo.
La seconda sala è dedicata al flusso migratorio di richiedenti asilo ma non solo. In molti Comuni delle due provincie di Trento e Bolzano, che hanno aderito al progetto Sprar, il problema dell'accettazione o del conflitto fra indigeni e migranti, ha dimostrato un "nervo scoperto" all'interno di una società spesso dedita al volontariato, ossequiosa per la radicata fede cattolica e politicamente corretta nelle apparenze, ma che si è ritrovata impreparata all'arrivo all'interno del proprio ambiente del "diverso", andando a scardinare fragili certezze ed equilibri di una società "sviluppata" che, fino a quel momento, si riteneva indenne dai movimenti globali di rifugiati in fuga da guerre lontane.

La famiglia contemporanea.
Con l'avvento sempre più preponderante dei mezzi di comunicazione digitali, spesso i rapporti interpersonali sono filtrati dagli strumenti tecnologici come smartphone, PC, e-mail e social media. La mostra sarà inaugurata il 26 ottobre alle 18.

ALTO ADIGE 7.10.2019


Articolo dell'Alto Adige, parla della mostra Unterl@ndia, presso il Kunstforum Unterland a Neumarkt/Egna.

Globalizzazione, mostra di  Manuel Riz
Il Kunstforum Unterland dal 26 ottobre al 9 novembre prossimi presenta una mostra dell'artista Manuel Riz. Il progetto ha l'obiettivo di far riflettere il visitatore, rendendolo a sua volta partecipe all'interno di un percorso espositivo diviso in tre sezioni (Weinstrasse, Gasthof, Famile Pixel), su come gli effetti della globalizzaione ricadono e influenzano sempre più  la società e le comunità periferiche, mettendo talvolta in discussione le certezze e gli equilibri della popolazione autoctona, creatisi nei secoli precedenti.
Diplomato in scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera (Milano), con una tesi sull'evoluzione del Carnevale fassano, Manuel Riz ha collaborato presso la sede Rai di Bolzano in qualità di programmista regista. Dal 2001 è il vignettista del settimanale delle valli Ladine La Usc di Ladins.
Nel corso degli anni ha ricevuto diversi premi alla Biennale Internazionale dell'Umorismo nell'Arte di Tolentino (Mc) ed è stato fra i finalisti del Premio Arte 2013 presso il Palazzo della Permanente di Milano. Ha pertecipato alla Trienala Ladina 2013 (Museum Ladin, San Martin de Tor in Badia) e all'esposizione Der mit dem Bart... L'Andreas Hofer del turismo (Castel Trauttmansdorff - Touriseum, Merano, 2009).
Vernissage in programma il 26 ottobre 2019 alle 18.00. La mostra è visitabile nelle seguenti giornate ed orari: dal 26 ottobre al 9 novembre 2019 - da martedì a sabato alle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 (Kunstforum Unterland - Galleria della Comunità comprensioriale - Oltradige Bassa Atesina - Portici 26 a Egna).

PREMIO CARTOONSEA 2019


"CALDO BOIA quando il cambiamento climatico diventa emergenza" è il tema dell'undicesima edizione del premio nazionale di umorismo e satira Cartoonsea di Fano (PU) al quale sono stato selezionato insieme ad altri settanta disegnatori.
L'azienda ideatrice a promotrice del premio, SEA Gruppo Srl, nelle varie edizioni con l'aiuto del disegno satirico, cerca di attirare l'attenzione e aumentare la sensibilità verso le tematiche della tutela della salute negli ambienti di lavoro oltre a quello della sostenibilità ambientale.


La mostra con le vignette dei vari autori, si tiene presso il Bastione Sangallo a Fano dal 20 luglio al 4 agosto 2019.

L'IDENTITÀ DEL TERRITORIO

Il 2 giugno 2019 a Canazei, presso la Frida Street Gallerylo spazio autogestito con l'artista Claus Soraperra, insieme ad un bel gruppo di amici e sostenitori abbiamo realizzato la performance annuale dedicata al tema L'identità del territorio.

La performance si è aperta con l'arrivo delle Art-Truppen sul potente veicolo anfibio. In seguito gli spettatori presenti, muniti di documento d'identità, sono stati schedati sul registro ufficiale della Gallery imprimendo la propria impronta digitale sullo stencil all'interno della vetrina, in modo da formare la silouette del gruppo del Sella.
L'impronta rappresenta la presenza dell'uomo sul territorio che con le sue scelte, può alterarne l'aspetto ma anche mutarne la funzione, influenzando a sua volta il rapporto delle generazioni future con l'ecosistema.


In seguito il party è andato avanti con la distribuzione di un ottimo rancio di zuppa di fagioli solamente al pubblico munito di utensili portati direttamente da casa (una tazza, un bicchiere e un cucchiaio), in modo da non utilizzare utensili in plastica durante l'evento.