101 ANI CIRCOLO ORTISEI


In occasione dei 101 anni del Circolo - Lia mostra d'Ert, nel mese di settembre 2021 sono stati esposti i manifesti delle mostre dall'archivio di questa importante associazione culturale gardenese. Fra questi anche Dolomites Shop del 2016!

VIRGILIO SORAPERRA DE LA ZOCH

L'artista fassano Virgilio Soraperra de la Zoch per me ha rappresentato la porta d'ingresso al mondo dell'arte. Sin da quando ero bambino gli facevo visita nel suo "laboratorio delle meraviglie", soprattutto affascinato dalle sue Faceres, ovvero le maschere lignee del Carnevale di Fassa.
Con il passare degli anni , grazie all'amicizia con il figlio Claus, Virgilio è sempre stato presente come persona capace di affascinarmi con la sue storie di un mondo e cultura popolare ormai scomparsi, ma anche grazie alla sua grande umanità, ironia e naturalmente arte.
 
 
Dopo la sua scomparsa nel 2015 i familiari di Virgilio, grazie all'importante supporto del collezionista e filantropo Gianfranco Traverso, hanno dato alle stampe nel 2020 il libro Virgilio Soraperra de la Zoch Der Kunstmaler (1937-2015) (Italic arte editore).
Dopo una prima presentazione al pubblico nell'ottobre del 2020, una seconda serata si è tenuta il 27 agosto 2021 presso il Cinema Marmolada di Canazei dove, dopo un'introduzione teatrale con la lettura in musica degli scritti originali di Virgilio, a cura di Loretta Florian e Giuliano Natali "Diaolin", è seguito un ricordo dell'artista insieme ai figli Claus e Annarosa con Gianfranco Traverso, che in parte mi ha visto coinvolto nel raccontare l'arte mascheraria del Soraperra, il tutto moderato dalla giornalista Elisa Salvi.
 
 
 

MARATONA DLES DOLOMITES 2021

 
 
L'articolo a cura della giornalista Elisa Salvi, è stato pubblicato sulla rivista ufficiale della gara ciclistica Maratona dles Dolomites 2021.

UNO SGUARDO NON CONVENZIONALE SULL'ATTUALITÀ

Nelle sue opere, che spesso strappano un sorriso, c'è l'interpretazione degli aspetti più interessanti dell'attualità, delle varie forme del turismo del nostro tempo e dell'ambiente dolomitico dove vive. Manuel Riz, 44 anni di Canazei, è un artista, nonchè insegnante di "arte e immagine" in Val di Fassa, capace di restituire la contemporaneità con uno sguardo non convenzionale. Se scultura e fumetto sono forme espressive - condite di ironia e satira - che ricorrono spesso nelle opere di Riz, negli ultimi anni sono state integrate da altri linguaggi. Ciò emerge chiaramente in "Unterl@ndia" sua ultima importante esposizione di fine 2019 a Egna (Bz). Divisa in tre sezioni (Weinstrasse, Gasthof, Familie Pixel) , la mostra convertendo anche una parte degli spazi in un'osteria, ha fatto riflettere i visitatori su come turismo, immigrazione e globalizzazione abbiano risvolti nelle popolazioni periferiche, tanto da cambiare equilibri immutati per secoli. Un'analisi proposta, in parte, anche nella personale precedente"Dolomites Shop", dove Riz aveva trasformato la galleria di Ortisei in un negozio zeppo di brand famosi (reinterpretati), ormai parte integrante delle nostre giornate.

Manuel Riz, dopo il diploma in scultura all'Accademia di Belle Arti di Brera (Milano), ha ottenuto riconoscimenti alla Biennale Internazionale dell'Umorismo nell'arte di Tolentino (Mc) ed è stato fra i finalisti del Premio Arte 2013 della Permanente di Milano. Ha partecipato alla Trienala Ladina 2013 (Museum Ladin, San Martin de Tor in Badia), all'esposizione "Der mit dem Bart... L'Andreas Hofer del turismo" (Castel Trauttmansdorff - Touriseum, Merano 2009) ed è cofondatore della "Frida Street Gallery" di Canazei. Dal 2001 è vignettista del settimanale "La Usc di Ladins". Negli anni scorsi, Riz è stato in più occasioni ospite della diretta televisiva della "Maratona dles Dolomites", realizzando "live" vignette sulla manifestazione e sulla curiosità della gara in corso.

STORIA DELLA CARICATURA

 
Il 16 maggio 2021 presso il Museum Ladin a San Martin de Tor (Bz), sono stato invitato a parlare della Storia della caricatura in occasione della Giornata internazionale dei Musei. L'incontro è stato realizzato in collaborzione con Mattia Maldonado e ripreso dalle telecamere di Jacopo Bernard.
 


STREET ALP

 
Insieme all'amico artista Claus Soraperra siamo stati coinvolti a prendere parte al progetto #Fuoricentro-Coltiviamo le periferie, promosso da fondazione Trentina per il volontariato sociale in collaborazione con il Comun General de Fascia e la Scola Ladina.
Coinvolgendo gli studenti della classe V del Liceo Artistico ed i ragazzi delle scuole medie è nato Street Alp dal muro grigio al muro colorato un murales centrato sui valori dello sport, realizzato presso  il Centro Sportivo Cotura a San Giovanni di Fassa.




PEDIES 8.5.2021

All'interno del programma Pedies (min.6,10) è andato in onda un servizio televisivo dedicato al progetto Street Alp presso il Centro Sportivo "Cotura" a San Giovanni di Fassa.
Il tutto è stato trasmesso sull'emittente TML di Trento l'8 maggio 2021, a cura di Stefania Povolo e Giacomo Gabrielli della Filmart Studios.

LA USC DI LADINS 30.5.2021

 
L'articolo a cura di Lucia Gross della Usc di Ladins, parla del progetto Street Alp presso il Centro Sportivo Cotura a San Giovanni di Fassa.
 
Street Alp, per engaissèr i studenc con l'èrt e l sport
 
N projet de la scola mesènes e del liceo artistich de Fascia con i professores Claus Soraperra e Manuel Riz fornesc l zenter de Cotura a Vich metan a frut la creatività di bec
 
L'é stat un lurier lonch, peà via amò acà doi egn e entardivà amò de più dal coronavirus, ma ades l'é ruà beleche al zil. Se trata de n projet che fèsc pèrt del program de #Fuoricentro "coltiviamo le periferie", che te Fascia à tout ite ence la Scola con la professora Cristina Donei desche referenta.
Chest projet, dal titol "Street Alp dal mur bianchal mur depent" l'é stat pissà da doi professores che de spes colaborea te sia scomezadives artistiches: Manuel Riz che ensegna a la Scola mesènes e Claus Soraperra del Liceo artistich. I doi ensegnanc à tout ite n grop de bec de la mesènes che aea enteress o che aessa podù aer joament da n percors per stimolèr sia creatività, e n auter grop de studenc più gregn, che fèsc l liceo artistich, con l'encèria de ge fèr da tutor per portèr inant adum l projet. L'obietif l'era chel de fornir con murales i parees beinc del zenter sportif de Cotura a Vich, destinà ence a doventèr la senta del nef "Bar educante".
L prum verech - ne à contà l professor Claus Soraperra - l'é stat chel de envièr i bec de la mesènes a pissèr a che dessegnes che ge piajessa fèr per chisc murales, e coscita l'é vegnù fora ne lingia de idees leèdes a fegures de sportives de ogne sort.
L percors é jit inant tel liceo, olache l'é stat fat n servije fotografich coi studenc empegné te desvaliva ativitèdes, ma regolé con guants leé al conzet de na "identità alpina" apontin aldò de l'inom "Street Alp", che straouc mingol chel de "Street Art" che caraterisea apontin chesta forma de èrt a l'averta. L'é stat fat la postproduzion e dapò, a cajon del Covid, i studenc de mesènes e liceo i à cognù lurèr sparii pe enjignèr duc i sciablons, che fossa i modìe de papier e carton che serf per fèr i stencil, te na sort de "negatif", olache la fegures cogn restèr vetes ajache dapò che vet cognarà vegnir empienì dal color sbicà sul mur.
L fin de setemèna  di 24 e 25 de oril dal lurier "dò via la coltrines" se é passé a la fasa de realisazion più publica e concreta: i bec de la mesènes à podù jir alò dal zenter de Cotura, meter sù i sciablons e depenjer la fegures. Semper per rejons de Covid i studenc più gregn no à podù tor pèrt ensema te chest moment: ic i jirà chesta setemènes che vegn a fenir l lurier, che ampò jà ades l vèrda fora dassen delvers, e l ge à dat na bela parbuda de viveza e color a chest zenter sportif.
Dassen na bela scomenzadiva, che sotrissea l'emportanza del raport anter scola e teritorie e la viventea i parees de Cotura, n zenter che travers la colaborazion percacenta anter aministrazions, scola, copratives sozièles e sociazions, con la spenta de #Fuoricentro, l'é destinà a doventèr semper de più n lech de crescimonia positiva per la joena generazions de noscia comunanza.

L'ADIGE 25.4.2021

 
Articolo dell'Adige, parla del progetto Street Alp, presso il "Centro Sportivo "Cotura" a San Giovanni di Fassa (Tn).
 
Un murales per abbellire il centro sportivo e creare socialità
Un murales per abbellire un centro sportivo frutto della collaborazione e della creatività fra scuole medie e superiori, un bar educante per costruire un luogo fisico in cui tornare a socializzare con un attenzione particolare all'educazione e alla formazione, un percorso di orientamento per conoscere da vicino nuove e innovative professioni del mondo del lavoro e approcciarsi in modo più consapevole al proprio futuro. Tre progetti per il territorio della Val di Fassa che rientrano nella fase finale di #Fuoricentro-Coltiviamo le periferie, promosso da fondazione Trentina per il volontariato sociale. Un progetto che ha coinvolto per 3 anni una rete di 30 partner su tre territori: Valsugana e Tesino, Paganella e per l'appunto la Val di Fassa.
Da questa più vasta iniziativa, e in collaborazione con il Comun General de Fascia e la Scola Ladina, proprio in Val di Fassa nell'ultimo mese si stanno concretizzando alcune importanti attività e progetti che hanno come scopo più generale quello di rendere la comunità più consapevole e coesa rispetto ai grandi temi dell'educazione e del sostegno collettivo alle nuove generazioni.
All'interno di Street Alp dal muro bianco al muro colorato oggi dalle 9 alle 18 presso il Centro Sportivo Cotura a San Giovanni di Fassa- si svolgerà la fase conclusiva del progetto che coinvolgerà gli studenti della classe V del Liceo Artistico e alcuni alunni delle classi terze delle scuole medie locali. In questa due giorni all'insegna dell'arte e della creatività, i partecipanti realizzaranno un murales centrato sui valori dello sport grazie anche al coordinamento e alla supervisione dei professori e artisti Claus Soraperra e Manuel Riz.
Nonostante le difficoltà riscontrate durante la pandemia Street Alp riuscirà a portare a termine il percorso di riqualificazione del centro sportivo grazie anche alla collaborazione e alle pratiche di peer-education: i ragazzi e le ragazze del Liceo artistico hanno infatti svolto una vera e propria funzione di tutor nei confronti degli alunni delle scuole medie organizzando per loro momenti laboratoriali e di confronto rielaborando il materiale grafico da quest'ultimi prodotto.

ALMANACH 2020

 
A fine marzo è stato dato alle stampe il nono numero dell'ALMANACH, la rivista annuale edita dall'Union di Ladins de Fascia che raccoglie gli avvenimenti più importanti accaduti nel 2020 in Val di Fassa.

TITOLO: Almanach 2020
DISEGNI: Manuel Riz
REDAZIONE: Lucia Gross, Monica Cigolla, Cristina Marchetti, Fernando Brunel, Nicoletta Riz, Alice Deflorian

PROGETTO "L temp"
Ismaele Soraperra (illustrazioni)

 TESTI "Reflescions sul temp"
Studenti IV Liceo Ladin di lengac e classe III e IV del Liceo Scientifico di Sen Jan di Fassa con i Prof. Stefano Riz e prof.ssa Ilaria Ragnes

EDITORE: Union di Ladins de Fascia
GRAFICA: Stephanie Ghetta
LINGUA: Ladino
FORMATO: 33,5 x 24 cm
PAGINE: 52
ANNO: 2021

INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545

 Per ogni mese ho realizzato una storia a fumetti autoconclusiva su un argomento scelto in collaborazione con le redattrici: Lucia Gross, Cristina Marchetti, Monica Cigolla.
 


 
 

RAI LADINIA TRAIL 1.4.2021

Questo servizio televisivo, a cura del giornalista Michele Carpano della RAI Ladinia di Bolzano, è andato in onda sul TG Ladino Trail il 1 aprile 2021 in occasione della presentazione dell'Almanach 2020.

STÉ ERT

Sté Ert è un libro che raccoglie una documentazione artistica, realizzata a seguito della pandemia, alla quale sono stato invitato a partecipare insieme ad altri cinquanta artisti e pubblicata in occasione dell'anniversario dei 100 anni del Circolo - Lia Mostra d'Ert di Ortisei.
 

 

L'esposizione delle opere si è svolta presso la Sala Luis Trenker di Ortisei dall'11 al 20 dicembre 2020.

 
Video della premiere a cura di Caio Design
 

Servizio televisivo, a cura di Martina Rier della RAI Ladinia di Bolzano, è andato in onda sul TG Ladino Trail il 6 maggio in occasione della riapertura al pubblico della mostra Sté Ert (1-9 maggio 2021) presso la Sala Luis Trenker a Ortisei.

ALMANACH 2019


Il 7 marzo è stato dato alle stampe l'ottavo numero dell'ALMANACH, la rivista annuale edita dall'Union di Ladins de Fascia che raccoglie gli avvenimenti più importanti accaduti nel 2019 in Val di Fassa.

TITOLO: Almanach 2019
DISEGNI: Manuel Riz
REDAZIONE: Lucia Gross, Monica Cigolla, Cristina Marchetti

PROGETTO "La sieves"
Liceo artistico Sèn Jan sez. Design

MODELLI PROGETTO "La sieves"
Studenti III liceo con i Prof. Fiorella Brunel, Max Chiocchetti, Franco Ghetta

EDITORE: Union di Ladins de Fascia
GRAFICA: Stephanie Ghetta
LINGUA: Ladino
FORMATO: 33,5 x 24 cm
PAGINE: 52
ANNO: 2020
INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545


Per ogni mese ho realizzato una storia a fumetti autoconclusiva su un argomento scelto in collaborazione con le redattrici: Lucia Gross, Cristina Marchetti, Monica Cigolla e Fernando Brunel.






PEDIES 14.3.2020

https://it-it.facebook.com/TelevijionLadina/videos/615070389335890/UzpfSTE5NDIwNTU5NzQzMDk4NToxMjkzNzQ4NzQwODA5OTkz/?redirect=false
All'interno del programma Pedies è andato in onda un servizio televisivo dedicato all'uscita dell'ottavo numero dell' Almanach 2020.
Il tutto è stato trasmesso sull'emittente TML di Trento il 14 marzo 2020, a cura di Stefania Povolo,  Luca Rubbo e Giacomo Gabrielli della Filmart Studios.

LA USC DI LADINS 28.2.2020

L'articolo a cura di Monica Cigolla della Usc di Ladins, parla dell'ottavo numero dell'Almanach uscito il 7 marzo 2020.

ALMANACCO Mataran


A dicembre 2019 è arrivato l'ALMANACCO MATARAN, un progetto editoriale al quale ho preso parte, in collaborazione con gli autori della nota rivista satirica friulana.
Oltre 150 pagine di umorismo e satira con l'esclusiva partecipazione di grandi disegnatori di tutta Italia, ospiti internazionali, fumettisti, storici, scrittori, stand-up comedian e molto altro, tutto inedito al 100%!
Per averne una copia scrivete a redazionemataran@gmail.com

UNTERL@NDIA

26 ottobre - 9 novembre 2019
Neumarkt / Egna (Bz)

Il progetto Unterl@ndia ha l'obiettivo di far riflettere il visitatore, rendendolo a sua volta partecipe all'interno di un percoso espositivo diviso in tre sezioni (Weinstrasse, Gasthof, Familie Pixel), su come gli effetti del turismo, dell'immigrazione e della globalizzazione, condizionano sempre più le società periferiche, mettendo talvolta in discussione le certezze e gli equilibri della popolazione autoctona creatisi nei secoli precedenti.


WEINSTRASSE - La produzione enogastronomica locale, uno dei richiami turistico-culturali fra i più rinomati del territorio, va a fronteggiarsi con la realtà quotidiana dove, il concetto di vino + strada, contrasta con le norme di legge che sanzionano la guida in stato di ebbrezza.


GASTHOF - Il flusso migratorio ha portato nuova forza lavoro anche nelle aree suburbane dove, le mansioni che la popolazione locale rinuncia ormai a svolgere, vengono occupate da lavoratori extracomunitari che, familiarizzando con il nuovo ambiente, si inseriscono gradualmente nella società.


FAMILIE PIXEL - Nella società contemporanea i rapporti interpersonali sono spesso filtrati dalla presenza dei mezzi di comunicazione digitale, con la conseguenza che il confronto orale fra persone fisiche, spesso lascia il posto ad un freddo schermo pixelato.