TRENTINO 7.11.2014


L'articolo a cura della giornalista Elisa Salvi del Trentino, parla del premio Menzione Speciale Gran Guinigi per il libro Scedola-PatofiesLucca Comics & Games 2014.

L'OSCAR DEL FUMETTO A MANUEL RIZ
Menzione speciale per "Scedola" al festival di Lucca: "Soddisfazione enorme"

«Con una creatività bizzarra e imprevedibile Manuel Riz ci consegna un'imperdibile e unica lezione di ladino». Questa è la motivazione alla menzione speciale al libro "Scedola-Patofies" con cui, il 31 ottobre, la giuria del "Gran Guinigi" ha premiato Riz, fumettista di Canazei, al Lucca Comics & Games Festival. A chi non s'intrattiene abitualmente con questa forma d'espressione e d'arte, in equilibrio tra disegno e parola, va precisato che il "Gran Guinigi" è considerato una sorta di Oscar del fumetto.
Un riconoscimento prestigioso per cui le case editrici (internazionali) del settore, ogni anno, gareggiano con il meglio della loro produzione. Ed è davvero sorprendente la menzione assegnata a Riz, che alle spalle non ha un editore "forte" e conta lettori prevalentemente ladini dal 2000, quando ha ideato Scedola (truciolo, in ladino), l'irriverente protagonista di strisce e storie spassose pubblicate dal periodico "La Usc di Ladins".
Lo scorso maggio Riz, col sostegno del Comune General de Fascia e de l'Union Generela di Ladins, ha raccolto il meglio delle "Patofies" (storie) di Scedola, dal 2006 al 2013, nel suo primo libro curato con il grafico badiota Michael Moling. «A giugno - spiega Riz, 38 anni, insegnante d'educazione artistica in Fassa - l'ho inviato, quasi per gioco, al concorso ed è stata una grande soddisfazione ricevere subito la menzione. Il mio Scedola, che parla ladino e racconta spesso "piccole storie di montagna", si è confrontato con i lavori di talenti quali Gipi (spesso sulle pagine di Repubblica, insignito "Maestro del fumetto" al "Gran Guinigi"). È il premio più importante che ho ottenuto finora». Grazie al suo talento Riz, infatti, non è nuovo ai riconoscimenti - basti ricordare, tra i tanti, il 3º posto, nel 2013, alla "Biennale internazionale dell'umorismo nell'arte" di Tolentino e il 2º al concorso Andrea Pazienza - ma certo il libro di Scedola, che incarna caratteristiche arcaiche e moderne dei ladini delle vallate del Sella e critica, con le sue battute taglienti, personalità autorevoli, non è passato inosservato, tra le 205 pubblicazioni in concorso, alla qualificata giuria, composta tra gli altri da Luca Raffaelli (uno dei massimi esperti italiani di fumetti).
Il modo in cui Riz è venuto a conoscenza del premio è singolare quanto le vicende che narra di Scedola. «Venerdì scorso, per curiosità, ho dato un'occhiata in Internet ai risultati del concorso: alla fine dell'elenco degli otto autori premiati (per varie categorie), ho notato la menzione a "Patofies". Non ci potevo credere! Tanto che ho contattato subito gli organizzatori. Per un disguido "tecnico" non è giunto l'invito alla premiazione e mi è dispiaciuto perché l'avrei ricevuta dalle mani di Gabriele Salvatores. Ma, nel giro di poco, ho ricevuto la menzione che, oltre a riempirmi di gioia, mi incoraggia a proseguire con le avventure di Scedola».

LA USC DI LADINS 14.11.2014


L'articolo a cura di Valentina Redolfi della Usc di Ladins, parla del premio Menzione Speciale Gran Guinigi per il libro Scedola-Patofies a Lucca Comics & Games 2014.


"PATOFIES" MENZIONÀ A L'OSCAR DI COMICS
La regoeta di comics de Scedola, personaje de La Usc di Ladins e vegnù fora dal lapisc e dal cef de Manuel Riz se à fat valer al "Gran Guinigi" de Lucca

Con na menzion spezièla al festival "Gran Guinigi" de Lucca de chest an, "Scedola-Patofies" l'é ruà anter i miores libres de comics del 2014. N gran onor e na bela sodesfazion l'é stat chest pest ben segur per sie autor Manuel Riz e tel medemo temp ence per dut nosc raion ladin che l'é l teater de la maor pèrt de la Patofies de Scedol e ence per La Usc di Ladins e l'Union Generela di Ladin dla Dolomites, che del 2000 aea dezidù de cerder perorio Scedola desche personaje per la caricatures e Patofies de nosc sfoi.
Prejentà chest an te Fascia en ocajion de l'Aisciuda Ladina, l liber l'é na regoeta de duta la Patofies publichèdes n'outa al meis su La Usc di Ladins del 2006 al 2013. L protagonist, descheche duc saon, l'è Scedola, vegnù fora dal lapisc e da la idees de Manuel Riz da Cianacei, che te duc chisc egn à moscià a na vida ironica e pizochenta che che sozedea stroz per la valèdes ladines, tocian argomenc e personajes zenza sparagnèr nia e nesciugn.
L liber l'è stat dat fora dal Comun General ensema a l'Union Generela e la grafica é de la firma Misign da la Val Badia, l tol ite 68 Patofies con test originèl per ladin con japedela traduzion di tesc' per talian. Apede a chest l'é ite ence trei toc introdutives: un de l'artist fascian Claus Soraperra su la storia de la satira te la ladinia dal scomenz del 1900; un de l'autor de comics Giuseppe Palumbo sul lengaz di comics aldidanché e ence n toch de Manuel Riz su la naa de Scedola.

La Menzion spezièla
Via per chest l liber, fresch de publicazion, à tout pèrt al Comics & Games Festival e l'à vent la menzion spezièla.
Chest festival l vegn fat dal 1967 en cà a Lucca, olache per l'ocajion se bina jent da dut l mond; l'é la più emportanta rassegna talièna de setor, seconda al mond per numer de partezipanc dò l comiket de Tokyo. Endèna chest festival l moment più spetà lé l'assegnazion del Gran Guinigi, n pest dat da na jurìa de esperc ai miores prodoc del setor di comics.
A Manuel Riz ge aon domanà coche la é stata e l ne à spiegà più avisa del recognosciment e del pest e l ne à contà che chest Gran Guinigi, l'é conscidrà l'Oscar talian di comics, l'é autores e editores da dut l mond e adertura chest an a la premiazion, a consegnèr i recognoscimenc, l'era l regist Gabriele Salvatores.
"cognoscee l Festival e l concors percheche tel setor di comics l'é emportant- ne à contà Manuel Riz- via per de jugn é manà l liber al concors. che tol pèrt a chest festival l'é autores de comics de nonzech e cognosciui te dut l mond e en dut chest an i à tout ite 205 publicazions. Anter duc chisc son ruà a ciapèr la menzion spezièla e chest me fèsc gran piajer. Ogne an ge vèrde ai venjidores, e no l'é che ogne an vegne dat la menzion spezièla, donca me fèsc amò più onor che chest an i l'abie metuda per la Patofies. Me endespièsc giusta de no aer podù jir a la zerimonia de premiazion. Son vegnù a l saer da internet e canche é telefonà l'é vegnù fora che l'é stat n fal de l'organisazion, no aee ciapà la comunicazion".
En vender ai 31 de otober donca l'é stat la premiazion e "scedola-Patofies" l'à ciapà na menzion con chesta motivazion:"Con una creatività bizzarra e imprevedibile Manue Riz ci consegna un'imperdibile e unica lezione di ladino".
Chest travert arjont da Riz con "Scedola-Patofies" l'é l più emportant de sia cariera de autor de comics. Recordon ence che l'an passà l'era ruà terzio a la Bienala Internazionèla de l'umorism de l'èrt de Tolentino e secondo al concors de comics dedicà al fumetist talian Andrea Pazienza e che aea fat ruèr Riz su la revista XL de Repubblica.

Da Fascia en curt

All'interno del TG Da Fascia en curt del 15 novembre 2014, è stata trasmessa una mia breve intervista, a cura di Angela Pederiva, sul premio Menzione Speciale al Gran Guinigi 2014.

NEIF MARMOLEDA


Neif Marmoleda è una azione artistica nata dalla collaborazione con Claus Soraperra, che ha come obiettivo la sensibilizzazione del disgelo dei ghiacciai, attraverso l'arte come veicolo di comunicazione. La presenza della Marmolada all'interno del gruppo delle Dolomiti di Fassa apre scenari di dibattito e discussione che sono attuali e sensibili all'interno della comunità ladino - fassana.
Le problematiche legate al riconoscimento della Marmolada come Regina delle Dolomiti e le possibilità di apprezzarla nella sua potenza evocativa, sembrano rimanere un concetto volutamente "congelato" da una politica che fatica a dare risposte concrete e condivise, garantendo così uno status quo che penalizza l'immagine di Fassa.
Noi pensiamo che attraverso il problema del disgelo globale possiamo attirare l'attenzione di ogni singolo sulla questione della presenza appunto di questo ghiacciaio è sulle possibilità di farlo rivivere con le sue intrinseche potenzialità.
Il giorno 7 settembre 2014 a quota 2850 metri, in località Pian dei Fiacconi, abbiamo raccolto in 35 contenitori di plastica trasparente la neve della Marmolada, segnando la data, la latitudine (46°26' N), la longitudine (11°51' E), l'ora, numerando e firmando ogni singolo contenitore.
Un mese dopo, il 3 ottobre 2014, attraverso una performance abbiamo presentato l'azione artistica presso la Frida Street Gallery, consegnando ai presenti la neve "inscatolata" ricordando che ognuno di noi può simbolicamente far la propria parte nella salvaguardia e conservazione del pianeta.
Pensiamo che la soluzione dei problemi debba necessariamente partire dalla sensibilizzazione culturale.

FRIDA STREET GALLERY


La presentazione del progetto Neif Marmoleda si è svolta il 3 ottobre 2014 a Canazei, in occasione dell' apertura ufficiale della FRIDA STREET GALLERY , uno spazio autogestito con Claus Soraperra dove, da un paio d'anni, esponiamo opere nate da idee comuni con il fine di riflettere sulla società contemporanea tramite il linguaggio dell'arte, divulgando il nostro pensiero direttamente fra la gente che passa per strada.

LA USC DI LADINS 17.10.2014


L'articolo a cura di Valentina Redolfi della Usc di Ladins, parla della presentazione del progetto Neif Marmoleda presso la Frida Street Gallery.

RIZ E SORAPERRA À METÙ TE SCATOLA LA NEIF DE LA MARMOLÈDA
A l’inaudazion de “Frida Street Gallery” a Cianacei, l’ùltima opera d’èrt de Manuel Riz e Claus Soraperra à l’obietif de sensibilisèr la jent sul sciudament del pianet e l delegament di giacees

Someèa de esser te n auter post, n’autra dimenjion, n’autra val. Enveze se era ta Cianacei, te Strèda del Faure, duc engaissé a spetèr n’autra performance di artisc' ladins Manuel Riz e Claus Soraperra.
Renata Dantone de Nato de Pacifico col gramièl apede na fana de orc, Giordano con l’orghen da mantech, i parents de Claus e Manuel apede a Renata a endrezèr pan de sièla e piac per meter ite l’orc. Su per la sief de fèr del cantier de chi del Faure l’era tacà fora n cartel de “pericolo animali domestici” e sora l ciel pien de sgolons. Jent dut intorn, ma di artisć nia, no l’era nience l’ombrìa. A i spetèr se à pissà de dut: vegnarèi pa dal ciel? Jù da barcon del Garnì Hirsch? Fora da tedò na cèsa? Canche Giordano à tacà a sonèr duc se à utà e i doi ruèa a pe pan pian ca da pènt sun ruf de Antermont. Regolé da d’invern, plus de piuma, vegères da giacé, “Go-pro” sul cef e te man chela valijes per tegnir la roba al freit (no sé pa nience per talian che che ge vegn dit). Fonin te man, foto de ca, video de la, vegèdes anter chi del publich e grignèdes dut entorn. L’inaudazion de la “Frida Street Gallery”, la vedrina sun Strèda del Faure de Frida Bernard del Garnì Hirsch, da tempes veiores vedrina de èrt, la era tachèda.
L’é stat i doi artisc a spieghèr delvers coche la é stata. Timpruma la vedrina, tachèda sul mur e grana pec metres cadrac, era stata durèda dal père de Claus, Virgilio Soraperra e canche l’à lascià sù aea metù fora ence Claus. No la jìa trop e donca ensema a l’amich Manuel l se à pissà de poder ge domanèr a Frida, patrona del Garnì Hirsch, se l ge l’aessa metuda a la leta a duc doi. Frida ben segur à azetà e en sie onor ge é stat dedicà l’inom: “Frida Street Gallery”, la galarìa de strèda de Frida. L’inaudazion la é stata en vender ai 3 de otober da les 18.15 e l’é doi egn che la vegn durèda. L’obietif no l’é comerzièl, l’é piutost na vida per i doi artisć de dir sia opinion sun argomenc de atualità fascèna, talièna e ence mondièla. L’é stat metù fora operes d’èrt su la litazions americhènes, sui festejamenc sul prum de l’an, su la chèrta di troes de nosc raion, sul telesciudament; dut da poder amò veder sul Blog te internet agiornà ence a l’ùltima opera d’èrt metuda fora enstadì en ocajion de l’inaudazion e che à desche argoment la Marmolèda. “Cognon fèr zeche per la jent da chiò – à tacà i doi artisć te l’anunzièr l’opera d’èrt – che podesse ge enteressèr a la jent. Se aon pissà a la Marmolèda sun chel che ence nos artisć podon dir zeche. No volane trèr ca de la strèda, del tunel o de l’impiant e se aon pissà al giacé. Se aon documentà delvers soraldut su la cantità de giacia che l’era tel passà respet a aldidanché. Anter duta la reflescions se aon pissà a coche ogne un de nos pel salvèr la Marmolèda. Sion jic su ai 7 de setember, se aon tout dò la termos, se aon enjignà la scatoles de plastica trasparenta e les aon empienides de neif. Aon empienì 35 confezions, ge aon scrit sù l post, la posizion, la data e l’ora e anché volon ge les dèr a nesc amisc chiò che i posse se la meter te congelator. Podede n fèr chel che ve sà, ence ve la magnèr desche n giacin dò cena...”.
Ma estra a la batudes, chela de Soraperra e Riz l’é stat na “sgorlèda” ence belebon forta, na provocazion e na azion de sensibilisazion sul problem del giacé su la Marmolèda e de dut l sciudament del pianet. “La noscia – disc Riz e Soraperra – l’é na azion artistica con l’obietif de sensibilisèr l delegament di giacees tras l’èrt che l’é noscia vida de dir la robes. La Marmolèda l’é argoment de discuscion te Fascia. I problemes leé al recognosciment de la Marmolèda desche Reìna de la Dolomites e sul poder la aprijièr te sia forza del passà, somea conzec “congelé” aposta da na politica che fèsc fadìa a troèr responetes concretes e condividudes e che penalisea la vijion entrìa de Fascia. Pisson che tras l problem del delegament podon spenjer duc a pissèr al giacé che l dovente vif e fort. Metan la neif te scatola e ge la dajan ai prejenc aon volù recordèr che ogneun de nos pel, simbolicamenter, fèr sia pèrt per stravardèr l pianet. Pisson che la soluzion di problemes cogne per forza pontèr demez da na sensibilisazion culturèla”.
Apede a chest te vedrina te strèda del Faure l’é stat metù fora i retrac di doi artisć endèna la operazions sun Marmolèda, informazions sul giacé e ence na chèrta de la Marmolèda de l’Otcent, canche podestà de Cianacei l’era n tèl Beniamin Bernard e l confin de la Marmolèda l’era amò chel veie.
A ge fèr onor ai artisć, amisc e professores da Cianacei, dò l moment ofizial l’é tacà la festa con n bon piat de orc senté jù a se fèr doi ciacoles e a se tor la scatoles de neif ge lascian l nominatif. Anter duc l’era ence Tone Valeruz che à dit de la scomenzadiva “n bon pont de partenza” e i operatores de Fedaa Aurelio Soraruf de Fanci, Ermanno Lorenz de la Lis e Roberto Platter.Claus e Manuel, apede che aer fat na azion de sensibilisazion, enstadì i à fat ence comunanza ta Cianacei e i à fat entener che se se vel fèr zeche, ogneun de nos pel l fèr.

TRENTINO 5.10.2014


L'articolo a cura della giornalista Elisa Salvi del Trentino, parla della performance Neif Marmoleda presso la Frida Street Gallery.

LA NEVE DIVENTA QUASI UN PEZZO D'ARTE
Performance dei ladini Riz e Soraperra per "salvare la Marmolada"

"Fermiamo lo scioglimento del ghiacciaio della Marmolada": è lo slogan dell'ultima performance artistica, dal messaggio forte coinvolgente, di Manuel Riz e Claus Soraperra. Entrambi di Canazei, l'uno fumettista e l'altro pittore, ambedue insegnanti nelle scuole della valle, Riz e Soraperra hanno convocato, venerdì scorso alle 18, una quarantina di amici in Strèda del Faure a Canazei, dove hanno inaugurato ufficialmente, con tutta l'ironia che li contraddistingue, la "Frida Street Gallery": nient'altro che una bacheca sulla via dove, da circa due anni, espongono opere che non passano inosservate agli occhi più attenti provocando, in primo momento, una risata e, subito dopo, naturali riflessioni su vicende che dalla Val di Fassa si allargano al Trentino (dal teleriscaldamento, allo sci, alle elezioni provinciali) e in generale alla nostra regione e al mondo.
Venerdì i due artisti hanno presentato l'opera inedita che ha per oggetto la Marmolada, della quale il 28 settembre si è celebrato, col concerto più alto delle Dolomiti, il secolo e mezzo dalla prima salita in vetta di Paul Grohmann.
"Vogliamo contribuire alla difesa della Marmolada - hanno esordito, in ladino, tra il serio e il faceto Riz e Soraperra - specie del ghiacciaio, ma non un quadro: già fatto! così siamo saliti sul ghiacciaio, abbiamo raccolto 35 palle di neve, le abbiamo riposte in vaschette di plastica, portate a spalla a valle in borse-frigo e stasera le consegniamo ai nostri ospiti perché le custodiscano nel freezer!
Gli alpinisti che ci hanno visto scavare, ci hanno presi per scienziati, ma ai più curiosi abbiamo precisato d'essere artisti impegnati a fermare lo scioglimento del ghiacciaio". Riz e Soraperra hanno poi svelato la bacheca, che contiene il frutto delle loro ricerche e dell'ascesa: foto delle palle di neve, dati sullo scioglimento del ghiacciaio e una mappa della zona di fine Ottocento col timbro Benjamin Bernard, podestà dell'epoca. Quindi, agli ospiti, assieme alle vaschette con la neve della Marmolada (numerate e con tanto di nominativo) è stata consegnata "con leggerezza" anche la responsabilità di questa montagna, tanto affascinante quanto priva di un progetto che la valorizzi.

L' ADIGE 29.10.2014


L'articolo a cura di Federica Giobbe dell' Adige, parla della performance Neif Marmoleda presso la Frida Street Gallery.

PERFORMANCE PER SALVARE IL GHIACCIAIO
"Neif Marmoleda", progetto d'arte di Riz e Soraperra: palle di neve d'autore in freezer

"Fermiamo lo scioglimento del ghiacciaio della Marmolada": questo è lo slogan dell'ultima performance artistica, dal messaggio forte e coinvolgente, di Manuel Riz e Claus Soraperra; entrambi artisti ed amici di Canazei, l'uno fumettista e l'altro pittore, ambedue insegnanti della Scuola d'Arte della Val di Fassa. Per "Neif Marmoleda", Riz e Soraperra hanno convocato, il 3 ottobre, una quarantina di amici in Strèda del Faure a Canazei, dove hanno inaugurato ufficialmente, con tutta l'ironia che li contraddistingue, la "Frida Street Gallery". nient'altro che una bacheca sulla via dove, da circa due anni, espongono opere che non passano inosservate. Un'idea sulla scia dell'artista italiano Maurizio Cattelan che ha una sua personale bacheca a New York.
Provocatori, dissacranti ed ironici, prima artefici di una risata e subito dopo di riflessioni naturali su vicende che dalla Val di Fassa si allargano a tutto il Trentino (dal teleriscaldamento, allo sci, dalle elezioni provinciali fino ai fatti di cronaca locale ecc...). Uno spazio nuovo, creativo, alla portata di tutti, dove l'arte la fanno anche le persone comuni con il loro passaggio.
Era il 7 settembre 2014 quando i due amici artisti sono saliti a quota 2850 metri, al Pian dei Fiacconi, dando inizio alla loro performance creativa. "Vogliamo contribuire alla difesa della Marmolada -hanno esordito, in ladino, tra il serio e il faceto- specie del ghiacciaio, ma non con un quadro. questo lo abbiamo già fatto! Siamo saliti sul ghiacciaio, abbiamo raccolto 35 palle di neve, le abbiamo riposte in vaschette di plastica, portate a spalla a valle in borse-frigo, ed nella serata del 3 ottobre le abbiamo consegnate ai nostri ospiti perché le custodiscano nel freezer! Gli alpinisti che ci hanno visto scavare, ci hanno presi per scienziati, ma ai più curiosi abbiamo precisato d'essere artisti impegnati a fermare lo scioglimento del ghiacciaio".
Riz e Soraperra hanno poi svelato la bacheca, che contiene il frutto delle loro ricerche e dell' ascesa:foto delle palle di neve, dati sullo scioglimento del ghiacciaio e una mappa della zona di fine Ottocento col timbro Benjamin Bernard, podestà dell'epoca. Quindi, agli ospiti, assieme alle vaschette con la neve della Marmolada (numerate e firmante, sulle scie di grandi artisti contemporanei come Piero Manzoni) è stata consegnata "con leggerezza" anche la responsabilità di questa montagna, tanto affascinante quanto priva di un progetto che la valorizzi.
Neif Marmoleda, il nome del progetto, riguarda non solo la neve "inscatolata" ma ogni oersona che ama la montagna, ricordando che ognuno di noi può far la propria parte.

MARATONA DLES DOLOMITES 2014


Il TEMPO è stato il tema della 28° edizione della Maratona dles Dolomites, così dopo l'uscita dal mio luogo di meditazione ho partecipato come vignettista alla diretta televisiva andata in onda il 6 luglio su Rai 3.





La conduzione in studio è stata affidata a Stefano Garzelli e Alessandro Fabretti con gli interventi di Michil CostaDon Paolo Renner Luca Sofri oltre a vari ospiti che si sono via via susseguiti, il tutto accompagnato dalla musica di Alessandro TreboSimona BondanzaMauro Battisti e Rodolfo Cervetto.
Al termine della diretta con mio grande stupore mi hanno affidato il compito di premiare il podio femminile...



SCEDOLA PATOFIES

Scedola Patofies è un libro che raccoglie le Patofies (storielle) pubblicate mensilmente dal 2006 al 2013, sul giornale di notizie e cultura delle valli ladine La Usc di Ladins.
Il personaggio principale è SCEDOLA e le sue storie a fumetti narrano in maniera satirica le vicende politiche, sociali e di costume accadute nelle Dolomiti ed in particolare nelle valli ladine di Fassa, Badia, Gardena, Fodom ed Ampezzo.
Ad arricchire la pubblicazione sono presenti i testi introduttivi dell'artista Claus Soraperra sulla storia della satira ladina dai primi del '900 ai giorni nostri, dell'autore di fumetti Giuseppe Palumbo sul linguaggio del fumetto nella contemporaneità ed infine dell'autore del libro Manuel Riz sulle origini del personaggio.

TITOLO: Scedola Patofies
IDEAZIONE E DISEGNI: Manuel Riz
TESTI: Claus Soraperra, Giuseppe Palumbo, Manuel Riz
TRADUZIONI: Loreta Florian
FOTO: Franco Dezulian, Paolo Riz, archivio I.C.L.
EDITORE: Comun General de Fascia
GRAFICA: Misign
LINGUA: Italiano / Ladino
FORMATO: 34,5 x 23 cm
PAGINE: 100
ANNO: 2014
INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545

Presentazione SCEDOLA PATOFIES


Il 9 maggio 2014 a Pozza di Fassa in occasione dell'Aisciuda Ladina ho presentato il libro Scedola Patofies, con l'introduzione di Claus Soraperra che ha parlato anche delle origini e dello sviluppo della satira ladina dai primi del '900 fino ai giorni nostri.
Al termine delle nostre chiacchere la festa è andata avanti con disegni, cena con specialità ladine dei Coghi de Fascia e musica dell'amico Giordan !






Satira ladina - ERCABOAN

Questo servizio televisivo parla della presentazione a Pozza di Fassa del libro Scedola Patofies, è andato in onda nel programma Ercaboan il 17 maggio 2014, a cura di Michele Carpano della Tv privata TML di Trento.

USC DI LADINS 23.5.2014


L'articolo a cura di Monica Cigolla della Usc di Ladins, parla della presentazione del libro Scedola - Patofies, tenutasi a Pozza di Fassa il 9 maggio.

TRENTINO 9.5.2014


L'articolo a cura della giornalista Elisa Salvi del Trentino, parla della pubblicazione del libro Scedola - Patofies .

MANUEL RIZ E IL SECONDO LIBRO SU "SCEDOLA"
Pozza, oggi pomeriggio la presentazione nell'ambito del programma dell'Aisciuda Ladina

"Scedola - Patofies" è una pubblicazione imperdibile per i fans del personaggio più irriverente della stampa ladina. La raccolta - curata nei dettagli, dalla copertina (rigida), alla carta (di grossa grammatura), ai colori (vivaci) - delle storie del fumettista di Canazei Manuel Riz, sarà presentata questo pomeriggio alle 17 e 30 all'oratorio di Pozza nell'ambito degli eventi per l'Aisciuda Ladina. Riz giunge, dopo il catalogo del 2005, al secondo libro del suo Scedola (truciolo, in ladino), protagonista ogni settimana delle vignette pubblicate da La Usc di Ladins.
Nato dal guizzo creativo di Riz, che partecipando nel 2000 al concorso della rivista ha inventato un personaggio fatto di linee coincise ed espressive, Scedola incarna con simpatia caratteristiche arcaiche e moderne dei ladini delle vallate del Sella ed è capace come scrive il suo disegnatore "di dare fastidio, con le sue battute taglienti, a personalità molto autorevoli". "In questa raccolta - spiega Riz - sostenuta dal Comun General de fascia e il benestare de l'Union Generela di Ladins, ho selezionato le storie lunghe, uscite mensilmente dal 2006 al 2013, quando l'esperienza si è conclusa, lasciando spazio solo alle vignette settimanali".
Riz accosta, così, i fumetti che in questi anni hanno fatto più divertire e discutere i fassani, ma anche badioti e gardenesi che apprezzano vivacità e sagacità (acuita da un idioma diretto come il ladino) di Scedola, trattando le vicende d'attualità locale, dal traffico sui passi dolomitici, agli Schützen, ma pure nazionali e internazionali, con la satira sui politici più noti da Berlusconi, a Bossi, fino a Papa Ratzinger. Ogni storia è accompagnata dalla contestualizzazione del fatto di cui tratta e dalla traduzione delle vignette in italiano.
Il libro nelle prime pagine, vede anche l'introduzione dell'artista (e amico) Claus Soraperra, che ripercorre la satira ladina dal primo Novecento a oggi, le note del maestro Giuseppe Palumbo, che illustra le sfaccettature del fumetto nell'epoca della sua maturità linguistica, e la spiegazione della nascita e delle caratteristiche di Scedola dello stesso Riz. Il volume, dopo la presentazione di Pozza, si potrà acquistare (costo: 20 euro) nella sede fassana della Usc di Ladins e all' Istituto Ladino di Vigo.

UN MATTONE PER LA RICOSTRUZIONE


L'associazione culturale Comix Comunity mi ha proposto di partecipare all' iniziativa "un mattone per la ricostruzione" che ha coinvolto artisti, fumettisti e illustratori, ai quali è stato consegnato un mattone da reinterpretare secondo il proprio estro creativo.
Il ricavato di ogni pezzo venduto l'associazione lo devolve direttamente a scuole ed enti delle zone terremotate dell'Emilia colpite dal sisma del 2012. Per maggiori info clicca QUI.

ALMANACH 2013


Il 9 febbraio presso il Comune di Canazei è stato presentato il secondo numero dell'ALMANACH, la rivista annuale edita dall'Union di Ladins de Fascia che raccoglie gli avvenimenti più importanti accaduti nel 2013 in Val di Fassa.

TITOLO: Almanach 2013
DISEGNI: Manuel Riz
TESTI: Valentina Redolfi, Lucia Gross, Monica Cigolla, Cristina Marchetti
EDITORE: Union di Ladins de Fascia
GRAFICA: D.Sign
LINGUA: Ladino
FORMATO: 33,5 x 24 cm
PAGINE: 52
ANNO: 2014
INFO: lausc@ladinsdefascia.it   Tel.0462.764545

Per ogni mese ho realizzato una storia a fumetti autoconclusiva su di un argomento scelto in collaborazione con le redattrici: Lucia Gross, Valentina Redolfi, Cristina Marchetti e Monica Cigolla.





La novità di quest'anno della rivista è lo ZODIACO LADINO DOLOMITICO, cercate il vostro segno qui sotto...

Muton (Ariete)

Toro (Toro)

Jomelins (gemelli)

Cancher (cancro)


Leon (leone)

Vergin (vergine)

Stadìa (bilancia)

Scorpion (scorpione)

Sagitarie (sagittario)

Capricorn (capricorno)

Aquarie (acquario)

Pesc (pesci)